IL MELONE CONTRO LA RITENZIONE IDRICA.

Il melone è un prezioso alimento che presenta una notevole concentrazione di elementi nutrizionali, senza per questo essere troppo ricco di calorie; possiede inoltre ottime proprietà medicinali che lo rendono un buon rimedio della medicina naturale.

Svolge un’efficace azione diuretica, soprattutto in caso di eccessiva ritenzione di liquidi dovuta a una ridotta attività renale; grazie alla sua azione tonificante è indicato nel trattamento di disfunzioni cardio-circolatorie ed epatiche.

Il melone è anche ricco di ferro e per questo indicato nella cura delle  diverse forme anemiche, agisce inoltre come sedativocalmante del sistema nervoso centrale.

Per uso esterno è un emollienteidratante ed ammorbidente, utile per alleviare le irritazioni cutanee, per favorire  la cicatrizzazione di piaghe e per decongestionare le emorroidi.

Come frutta fresca si consiglia di consumare il melone a temperatura ambiente, se invece si vuole preparare un cataplasma per uso esterno occorre grattugiare la quantità desiderata di polpa fresca di melone e stenderla così direttamente sulla parte da trattare, lasciando agire per 20-30 minuti. Il succo fresco di melone si ottiene centrifugando la polpa, il succo va però bevuto entro 2 – 3 ore altrimenti i suoi principi attivi perdono la loro efficacia.

Si ricorda che il melone non è un frutto per tutti facilmente digeribile pertanto se ne sconsiglia il consumo alle persone che soffrono di irritazioni dell’apparato digerente inoltre, per l’elevato contenuto di zuccheri è controindicato alle persone diabetiche.

Per uso estetico, con la polpa del melone è possibile preparare  maschere tonificantirinfrescanti ammorbidenti adatte a tutti i tipi di pelle, in grado di donare alla pelle un aspetto più tonico e giovane ed in tempi di crisi questa è davvero un ottima notizia!

 

di Lauretta Franchini

Tags from the story
, ,
More from Lauretta franchini

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE – LAURETTAFRANCHINI.IT

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE.  Molto spesso, ci è capitato di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *