IL VINO PUO’ FAR BENE MA SENZA ESAGERARE!

Il vino, insieme alla birra è una delle bevande alcoliche più antiche, i Romani ne facevano un largo uso nelle feste e nei riti orgiastici, ma già nella Bibbia si narrano gli effetti inebrianti del vino. Le varietà di vino attualmente in commercio sono numerosissime e la loro valutazione è differente a seconda dell’annata, della zona di provenienza delle uve, ecc. Particolarmente utilizzati come rimedi naturali sono i vini medicinali preparati con la semplice aggiunta al vino di erbe aromatiche o spezie quali ad esempio: il vino di assenzio, il vino di eucalipto ed il vino di cannella.
Il vino, per quanto naturale è comunque una soluzione idroalcolica ottenuta dalla fermentazione di mosto d’uva prodotto da uve mature, fresche o appassite di conseguenza, dosi elevate e continue di vino sono estremamente nocive per l’organismo, i danni più gravi a volte irreparabili sono a carico del fegato ma anche, del pancreas, dello stomaco, del sistema nervoso centrale e dell’apparato cardio-circolatorio.
Contiene numerose sostanze utili all’organismo: vitamine, sali minerali, tannini e zuccheri.
Come bevanda da tavola, ne è consigliato un consumo moderato, il vino bianco è molto utilizzato anche per insaporire risotti e scaloppine mentre, quello in quello rosso vengono fatte macerare le carni per brasati e stufati.
Per ottenere il vino di Assenzio: fare macerare per 8-10 giorni 30 grammi di sommità fiorite di assenzio in 60 ml di alcol a 50 gradi, aggiungere quindi 1 litro di vino bianco liquoroso, coprire ed agitare ogni tanto per 10 giorni poi filtrare il tutto con carta da filtro. Agire nello stesso modo per preparare vino di maggiorana e vino di rosmarino.
Per ottenere il vino di eucalipto: sminuzzare e triturare finemente 30 grammi di radice di eucalipto, metterla al macero in un vaso con coperchio in 1 litro di vino bianco liquoroso, coprire agitare ogni tanto per 10 giorni poi filtrare il tutto con carata da filtro.
Per ottenere il vino di cannella: fare macerare 30 grammi di corteccia di cannella in polvere in 500 ml di vino bianco liquoroso, lasciare macerare per 6-8 giorni quindi filtrare.
Mediate lo stesso procedimento si può ottenere: vino di ginepro, vino di cardamomo e vino di zenzero.

di Lauretta Franchini

Tags from the story
, , , ,
More from Lauretta franchini

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE – LAURETTAFRANCHINI.IT

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE.  Molto spesso, ci è capitato di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *