LA VANIGLIA NON SOLO PER GLI INTELLETTUALI.

Nell’antichità gli Aztechi offrivano la vaniglia, impiegata per aromatizzare il cacao, in tributo all’imperatore come segno di rispetto e di fedeltà.

Il Messico conservò il monopolio della produzione sino al 1814, quando si sviluppò un metodo di fertilizzazione che consentì di coltivare la pianta anche altrove.

La vaniglia, che viene spesso utilizzata come aromatizzante per prodotti farmaceutici, eccita l’appetito, stimola la digestionetonifica stomaco ed intestinofluidifica la secrezione biliare. Molto impiegata anche nel campo della profumeria, come fragranza, in special modo nei profumi orientalizzanti.

È largamente utilizzata per aromatizzare tabacchi e alimenti, in particolare gelati, dolci, yogurt e cacao, di cui esalta l’aroma.

Proprio per le sue caratteristiche proprietà può essere considerata un prezioso elisir contro lo stress da stanchezza fisica ed intellettuale nonché, un tonico per stimolare l’appetito.

La pianta della vaniglia, appartiene alla famiglia delle Orchidacee, è prodotta ed esportata principalmente dal Messico, Puerto Rico, Madagascar e Réunion.

Essendo una spezia costosa si sono diffuse molto velocemente le “imitazioni”, la vanillina ad esempio, prodotta nel 1874 è una spezia sintetica di qualità inferiore alla vaniglia naturale che tuttavia aromatizza il 90% dei prodotti commerciali venduti nel mondo.

La vaniglia è sostanzialmente un orchidea epifita rampicante, le porzioni della pianta impiegate in erboristeria sono i baccelli, lunghi, stretti, di color marrone scuro, ricoperti da una sostanza naturale denominata vanillina.

 

di Lauretta Franchini

More from Lauretta franchini

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE – LAURETTAFRANCHINI.IT

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE.  Molto spesso, ci è capitato di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *