PARIGI – UNA VISITA AL LOUVRE.

Nel progettare una visita al Louvre di Parigi, data la vastità del Museo e la quantità di opere esposte nella varie sezioni, risulta determinante non sottovalutare le reali dimensioni del Museo e conseguentemente stabilire per prima cosa una priorità tra le opere che si vogliono vedere. La visita potrebbe durare ore, ma vale la pena immergersi nella storia di tutti i tempi.
IL MUSEO NEL TEMPO
La storia del Museo del Louvre, che contiene una delle più importanti collezioni d’arte al mondo, risale ai tempi medievali. Costruito nel 1190 come fortezza dal re Filippo-Augusto per proteggere Parigi dai Vichinghi, sotto Francesco I, che ne demolì una parte, fu trasformato in palazzo rinascimentale. Da allora per quattro lunghi secoli re ed imperatori francesi si impegnarono ad ampliarlo ed abbellirlo. Il Louvre fu aperto al pubblico per la prima volta nel 1793, dopo la Rivoluzione e da allora il numero delle opere continuò ad aumentare.
Uno degli interventi più recenti è costituito dalla piramide di vetro nel cortile principale, da cui si raggiungono tutte le gallerie. Questa nuova e famosa entrata principale fu progettata dall’architetto I M Pei ed inaugurata nel 1989.
LA VISITA
E’ meglio iniziare la visita partendo dall’ingresso principale, sotto la piramide di vetro. Da qui partono i percorsi che conducono alle diverse ali del museo. Le opere in mostra occupano tre piani e le sale per la pittura e la scultura sono organizzate per paese di origine.
Vi è una collezione con le opere dei pittori europei dal 1400 al 1900 è molto vasta con una grande percentuale di opere di pittori francesi ed una sezione dedicata alla scultura europea dal 1100 al 1900.
Anche Leonardo da Vinci, artista, ingegnere e scienziato, nacque nel 1452 e fu uno dei maggiori rappresentanti del Rinascimento italiano. Nel 1515, il re Francesco I di Francia grande mecenate incontrò Leonardo e lo invitò a trasferirsi in Francia. Leonardo accettò l’invito si trasferì e portò con se la Gioconda ma a causa delle sue cattive condizioni di salute morì tre anni più tardi tra le braccia del re.
La sezione delle Antichità Orientali, Egizie, Greche, Etrusche e Romane.
Questa sezione dedicata all’arte antica ha dimensioni impressionanti e comprende oggetti che vanno dal Neolitico (6000 a. C. circa) fino alla caduta dell’Impero Romano. Tra le importanti opere dell’arte mesopotamica vi è la figura seduta di Ebihil, del 2400 a. C. Su una stele di basalto nero è riportato il codice del re babilonese Hammurabi, del 1700 a. C. circa una delle più antiche raccolte di leggi del mondo.
I feroci Assiri sono rappresentati da delicati bassorilievi e da una spettacolare ricostruzione di una parte del palazzo di Sargon II (722-705 a. C.) con i grandi tori alati con testa umana.
La maggior parte dell’arte egizia era dedicata al culto dei morti ed ai corredi funerari. Nelle tombe erano spesso rappresentate scene di vita quotidiana dell’ antico Egitto.
La sezione delle antichità greche, romane ed etrusche comprende un vasto numero di reperti, tra cui alcuni pezzi eccezionali. Le due più famose statue greche del Louvre, la Vittoria alata di Samotracia e la Venere di Milo, appartengono al periodo ellenistico.
Capolavoro indiscusso dell’arte etrusca al Louvre è un famoso sarcofago in terracotta che rappresenta una coppia di sposi immortalata durante il banchetto nuziale del IV secolo a. C.). Anche tra le sculture di epoca romana ci sono pezzi particolarmente interessanti tra cui: un busto di Agrippa,una testa in basalto di Livia, moglie di Augusto ed una splendida e vigorosa testa in bronzo dell’Imperatore Adriano risalente al II secolo d. C. notevole per il suo realismo e molto diversa dalla fredda ufficialità dei ritratti dell’epoca.
Oggetti d’arte
Con il termine oggetti d’arte o objets d’art si indica in realtà una vasta gamma di oggetti tra cui: gioielli, mobili, orologi, meridiane, arazzi, miniature, oggetti in argento ed in vetro, coltellerie, bronzetti italiani e francesi, avori intagliati, smalti, ceramiche, tappeti, tabacchiere, strumenti scientifici e armature. Il Louvre possiede più di 8000 oggetti di ogni periodo e provenienza. Tra i gioielli della corona francese sono comprese le corone di Luigi XV e di Napoleone, scettri spade ed altri accessori utilizzati durante le cerimonie d’incoronazione. In mostra c’è anche il diamante Reggente, una delle pietre più pure al mondo, acquistato nel 1717 e portato da Luigi XV durante la sua incoronazione nel 1722.

di Lauretta Franchini

Tags from the story
, ,
More from Lauretta franchini

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE – LAURETTAFRANCHINI.IT

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE.  Molto spesso, ci è capitato di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *