AVVELENAMENTO DA MORSO DI SERPENTE

L’avvelenamento da morso di serpente è qualcosa a cui non piace pensare ma purtroppo occorre ancora fare molta attenzione. Esistono nel mondo 700 specie di serpenti velenosi, un centinaio dei quali rappresenta un pericolo mortale. Tra i serpenti pericolosi oltre alla vipera aspis ed alla vipera berus europee, in Asia, dove il pericolo è più concreto si possono incontrare: il Naja naja o serpente dagli occhiali, il cobra reale; la vipera di Russel o daboia, le vipera del genere Echis, i Trimeresurus, che vivono sugli alberi ed i serpenti marini del genere Hydrophis o Laticauda.

In Africa, i mamba neri o verdi, il Naja haje, il Naja nigricollis, la vipera delle sabbie o cornuta ed altri che escono allo scoperto di notte.

In America, i terribili crotalidi del genere Crotalus o Bothrops tra cui la vipera a punta di lancia e altre varietà arboricole, l’Agkistrodon nel Sud degli Stati Uniti, il serpente del corallo vicino ai corsi d’acqua. In Australia, i taipan del genere Oxyuranus aggressivi e velenosissimi cosi come il serpente tigre e diversi serpenti acquatici.

Per evitare spiacevoli e pericolosi morsi ci sono alcune regole da rispettare tassativamente:-

– nei luoghi a rischio, indossare scarpe o stivali e pantaloni lunghi; dove la vegetazione è fitta un cappello a larghe tese protegge dai serpenti arboricoli;

– non toccare mai a mani nude rocce e sassi o infilare la mano o un bastone in un buco;

– non arrampicarsi mai su alberi dal fogliame fitto e non fare mai bagni nei fiumi, nelle lagune o in laghi in zone deserte,

– non toccare mai i serpenti, anche se apparentemente morti.

Quali sono i sintomi dell’avvelenamento?

Il morso del serpente non sempre è visibile, i sintomi locali sono dolore, gonfiore e arrossamento.

I segni di emorragia sono gli ematomi, le ecchimosi, il sanguinamento delle gengive e delle vie naturali. I sintomi nervosi sono, dapprima, le difficoltà di parola, di salivazione e di respirazione, oltre a disturbo della coscienza poi, insorge la paralisi.

Non vanno scambiati per sintomi di paura o di angoscia retrospettiva. Altri sintomi, quali urina scura, ittero, blocco della minzione e dolori muscolari diffusi sono più tardivi.

L’unico siero antiofidico efficace contro il morso del serpente appunto, è quello specifico per il particolare serpente in questione, ogni nazione ha un centro di produzione di sieri antiveleno.

I morsi raramente uccidono in pochi minuti, spesso devono passare diverse ore o addirittura giorni. E’ inutile portare il siero antiveleno con sé perché questo, a temperatura ambiente, diviene inutilizzabile e l’iniezione di siero inutile espone al rischio di allergia, talvolta più grave dell’avvelenamento stesso. La decisione di iniettare il siero spetta al medico, tranne rare eccezioni.

di Lauretta Franchini

More from Lauretta franchini

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE – LAURETTAFRANCHINI.IT

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE.  Molto spesso, ci è capitato di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *