GLI SCAVI ARCHEOLOGICI DEL 1700 A ROMA.

Gli scavi archeologici archeologici a Roma riportarono alla luce molte opere d’arte di grande valore. A partire dal 1770 infatti, tutto il  territorio della cosiddetta “Città Eterna” e dintorni fu interessato da importanti scavi archeologici: dal Laterano, alla Villa dei Quintilii  nella Via Appia (scoperta tra il 1783 ed il 1785).

Da ogni sito affiorarono opere d’arte uniche ed originali ma, non mancarono neppure le contraffazioni, o i prodotti reputati a torto originali e non copie antiche.

L’Italia divenne una meta sempre più importante nel famoso “grand tour”: viaggiatori tedeschi, inglesi e francesi si aggiunsero così alle già fiorenti comunità straniere presenti in Italia ed operanti a Roma, per ammirare tra i vari capolavori esistenti, “l’Apollo ed il Torso del Belvedere” ed il “Laocoonte” , che suscitò nello studioso  Winckelmann  l’idea di “una calma grandezza”. Opere da tempo note venivano così  riscoperte e rivalutate dai critici. Fra il 1797 ed il 1801 il  Antonio Canova scolpì infatti un “Perseo”, ora nei Musei Vaticani, per il quale  prese ispirazione dal Torso del Belvedere.

di Lauretta Franchini

More from Lauretta franchini

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE – LAURETTAFRANCHINI.IT

VENDITA SPAZI PER PUBBLICITÀ ON LINE.  Molto spesso, ci è capitato di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *